Via Torquato Tasso, già via San Lazzaro

Torquato Tasso giunge a Torino nel 1578, all’epoca in cui Emanuele Filiberto vi trasferiva la Sindone da Chambery. In fuga da Ferrara sotto il falso nome di Omero Fuggiguerra, fu ospite del marchese Filippo d’Este di Lanzo, genero di Testa di Ferro e il 10 ottobre assistette all’incontro tra il duca di Savoia e Carlo Borromeo nella chiesa di San Lorenzo, dove poté venerare il sacro lino, al quale dedico alcuni versi.

Cioccolato e Torino, due perfetti sconosciuti.

Una bevanda divina capace di dare forza e resistenza che permette all’uomo di camminare per un giorno intero senza cibo

Il sacro telo arriva alla Cappella Ducale

15 settembre 1578 – Il Sacro Telo giunge nella Cappella Ducale, Chiesa ‘Santa Maria ad praesepe’ Partito dal castello di Lucento, un maestoso corteo accompagna lo scrigno che contiene la Sacra Reliquia. 700 torce illuminano il passaggio del Nunzio del Papa,…

5 settembre 1578, la sacra reliquia al Castello di Lucento

5 settembre 1578 – Castello di LucentoVarcate le Alpi, la sacra reliquia attraversa il Colle piccolo del San Bernardo e giunge al Castello di Lucento il 5 settembre 1578 dove ad attenderla trova il duca Emanuele Filiberto.Nei giorni successivi vengono approntati…

Monte dei Cappuccini e la sua chiesa

Il Monte dei Cappuccini è una collina situata sulla parte destra del Po in prossimità del ponte Vittorio Veneto e di piazza Vittorio Veneto. Il luogo racchiude una storia molto antica che parte dal Pliocene (sono state ritrovate conchiglie marine…

Palazzo Scaglia di Verrua

Palazzo Scaglia di Verrua è situato in via stampatori n. 4, nell’antico quartiere ‘Carignone’ oggi isolato di “Isola di Sant’Alessio”, a pochi passi da Via Garibaldi e Piazza Castello.
La stupenda opera architettonica venne costruita su commissione dell’abate Filiberto Scaglia di Verrua tra 1585 e il 1604.
Durante la costruzione, il palazzo venne acquistato da Giacomo Solaro che unì palazzi di vari proprietari in un uno solo e commissionò nel 1603 al pittore bresciano Antonino Parentani gli affreschi della facciata e gli affreschi interni.
Lo stemma dei Conti Scaglia presente sul portone è un elemento stilistico insieme a paesaggi e figure allegoriche che decorano la facciata del palazzo distinguendolo dai palazzi vicini.