Palazzi e architettura

Torino città del Barocco, ma non solo. Uno sguardo attento e si scopre che è possibile ripercorrere 2000 anni di costruzioni, palazzi e strutture che hanno dato forma alla Città delle Meraviglie. Le tracce del passato Romano le troviamo in pieno centro cittadino nella Porta Palatina e nel palazzo Madama. Il passato medioevale è stato quasi del tutto cancellato ma passeggiando è possibile scorgerlo, la bellezza del Liberty Torinese ci stupisce ogni giorno e il centro ha assunto le forme di una città che per secoli ha ospitato i monarchi sabaudi: ordinata, lineare, assoluta e caratteristica.
Casa Scaccabarozzi, La fetta di Polenta
Casa Scaccabarozzi, la Fetta di Polenta

Durante la vostra visita nella Città di Torino è possibile che la vostra guida, la…

tesoriera
La Tesoriera, Ël giardin dël diav

Un fosco cavaliere mascherato indossato il suo mantello nero bordato di rosso vaga al galoppo della sua cavalcatura anch’essa nera al parco della Tesoriera conosciuto dai torinesi più maliziosi con il nome di Giardin dël diav.
A quanto pare il misterioso cavaliere è il fantasma del “povero ricco” tesoriere Ajmo Ferrero di Cocconato, colui che fece costruire la villa e che morì solo tre anni dopo averne preso possesso, sembrerebbe che in una particolare occasione il fiero cavallo si sia infuriato ed abbia lasciato il segno di uno zoccolo sul tronco di uno degli alberi del parco.

E non è tutto….
All’interno della villa sembra vaghi l’anima di una bellissima dama francese, probabilmente un’amante del tesoriere, e che nella desolazione delle giornate invernali nel parco è possibile vedere un’altalena muoversi di continuo ed il cigolio della catena sembra un costante lamento.

Cimitero Monumentale di Torino, il campo primitivo.

Il 17 maggio 1828 si svolse la cerimonia per la posa della prima pietra del…

La casa del Pingone, Cà ‘d Monsù Pingön

Non sono molti gli edifici medievali visibili a Torino, uno di questi e la Casa…

Biblioteca Nazionale di Torino

Quella che oggi è piazza Carlo Alberto era in origine il cortile interno che collegava…

Ponte Re Umberto
Ponte Re Umberto I

Il Ponte Umberto I, realizzato dal 1903-1907 dall’architetto Vincenzo Micheli e dall’ingegnere Enrico Ristori, collega…

Palazzo Scaglia di Verrua | Immagine di Andrea Cherchi
Palazzo Scaglia di Verrua

Palazzo Scaglia di Verrua è situato in via stampatori n. 4, nell’antico quartiere ‘Carignone’ oggi isolato di “Isola di Sant’Alessio”, a pochi passi da Via Garibaldi e Piazza Castello.
La stupenda opera architettonica venne costruita su commissione dell’abate Filiberto Scaglia di Verrua tra 1585 e il 1604.
Durante la costruzione, il palazzo venne acquistato da Giacomo Solaro che unì palazzi di vari proprietari in un uno solo e commissionò nel 1603 al pittore bresciano Antonino Parentani gli affreschi della facciata e gli affreschi interni.
Lo stemma dei Conti Scaglia presente sul portone è un elemento stilistico insieme a paesaggi e figure allegoriche che decorano la facciata del palazzo distinguendolo dai palazzi vicini.

Palazzina di Caccia Stupinigi

Palazzina di caccia a Stupinigi Natura, sfarzo e linea, elementi caratteristici della corte sabauda I Savoia…

Porta Palatina

Le Porte Palatine sono una delle principali testimonianze archeologiche dell’epoca romana sul territorio torinese. Si…

torre littoria
Torre Littoria

Progettata durante il ventennio fascista dall’architetto Armando Melis de Villa e dall’ingegnere Giovanni Bernocco, la…