Palazzi e architettura

Torino città del Barocco, ma non solo. Uno sguardo attento e si scopre che è possibile ripercorrere 2000 anni di costruzioni, palazzi e strutture che hanno dato forma alla Città delle Meraviglie. Le tracce del passato Romano le troviamo in pieno centro cittadino nella Porta Palatina e nel palazzo Madama. Il passato medioevale è stato quasi del tutto cancellato ma passeggiando è possibile scorgerlo, la bellezza del Liberty Torinese ci stupisce ogni giorno e il centro ha assunto le forme di una città che per secoli ha ospitato i monarchi sabaudi: ordinata, lineare, assoluta e caratteristica.
Murazzi di Torino
I Murazzi sul Po

I Murazzi sul po Fino alla prima metà dell’ottocento Piazza Vittorio era collegata a Corso…

Campanile del Duomo di Torino
Campanile del Duomo di Torino

La torre del Duomo di Torino risale al XV secolo quando il Vescovo Giovanni De…

Castello del Valentino
Il Castello del Valentino

Il Castello del Valentino tra feste, caroselli, fuochi e tanti fantasmi. La “delizia” suburbana risalente…

Borgo Medioevale di Torino
Il Borgo Medioevale e i suoi dettagli

I miei ricordi d’Infanzia su Torino hanno due punti di riferimento. Il primo ricordo è…

Casa dell obelisco by Andrea Cherchi
Casa dell’ Obelisco

È sempre bello per noi torinesi vedere film che hanno come palcoscenico la Città di…

Galleria San Federico
La Galleria San Federico

Nei primi anni trenta del XX secolo il Podestà della Città di Torino Paolo Thaon…

Galleria Umberto I
Galleria Umberto I

La Galleria Umberto I in origine ospitava la sede dell’ospedale ‘Maggiore dei Santi Maurizio e Lazzaro‘,…

Casa Scaccabarozzi, La fetta di Polenta
Casa Scaccabarozzi, la Fetta di Polenta

Durante la vostra visita nella Città di Torino è possibile che la vostra guida, la…

tesoriera
La Tesoriera, Ël giardin dël diav

Un fosco cavaliere mascherato indossato il suo mantello nero bordato di rosso vaga al galoppo della sua cavalcatura anch’essa nera al parco della Tesoriera conosciuto dai torinesi più maliziosi con il nome di Giardin dël diav.
A quanto pare il misterioso cavaliere è il fantasma del “povero ricco” tesoriere Ajmo Ferrero di Cocconato, colui che fece costruire la villa e che morì solo tre anni dopo averne preso possesso, sembrerebbe che in una particolare occasione il fiero cavallo si sia infuriato ed abbia lasciato il segno di uno zoccolo sul tronco di uno degli alberi del parco.

E non è tutto….
All’interno della villa sembra vaghi l’anima di una bellissima dama francese, probabilmente un’amante del tesoriere, e che nella desolazione delle giornate invernali nel parco è possibile vedere un’altalena muoversi di continuo ed il cigolio della catena sembra un costante lamento.

Cimitero Monumentale di Torino, il campo primitivo.

Il 17 maggio 1828 si svolse la cerimonia per la posa della prima pietra del…