Curiosità di Torino

Le 4 navi del principe Eugenio di Savoia

Il principe Eugenio di Savoia è stato ed è un personaggio che gode di particolare prestigio, un uomo che ha lasciato un profondo solco nella storia sabauda, austro-ungarica ed europea.
Secondo alcuni  era un semplice mercenario, privo di scrupoli ed umanità, al soldo del finanziatore del momento, per altri invece è stato uno dei più grandi ed abili strateghi militari e su di lui sono state scritte tante storie.
Mentre in Italia, e in particolar modo a Torino, la sua figura è legata all’ Assedio di Torino e alla sua grande raccolta di opere oggi custodite alla Galleria Reale, nel resto d’Europa lui viene omaggiato e ricordato per il suo contributo alla difesa di Vienna minacciata dai Turchi, per le sue battaglie durante la guerra di successione,  per le vittorie conseguite sui campi di battaglia e per le sue abilità militari.
I più devoti alla figura del condottiero erano sicuramente gli austro-ungarici, direttamente coinvolti nelle vicende del principe che si sentiva più austriaco che italiano, ma quando si approfondisce l’ argomento ci si accorge che, effettivamente, il principe Eugenio è stato una sorta di mito, un punto di riferimento per tanti uomini di guerra venuti dopo di lui.
Un nome in grado di motivare gli uomini che, loro malgrado, nel ‘900 erano costretti a combattere sui campi di battaglia ed a mantenere operative le navi che salpavano gli oceani.
Bene!
Ben quattro navi sono state dedicate al Principe Eugenio e già il numero la dice lunga sull’ importanza del condottiero sabaudo e sull’ alone di mito che circondava il suo nome.
Una nave intitolata non è una cosa da poco e prestare servizio su una di queste forse,  ma non lo sappiamo, era un onore, motivava gli uomini a bordo e li illudeva di essere invincibili.

SMS PRINZ EUGEN
L’ SMS Prinz Eugen è la prima delle 4 navi dedicate al principe sabaudo. Costruito per la regia marina austro-ungarica, questo incrociatore viene varato il 30 novembre 1912 ed entra in servizio durante la prima guerra mondiale sparando contro le coste italiane all’altezza di Ancona.
La nave era lunga 152 metri, l’ equipaggio era formato da 1044 uomini impegnati a combattere contro il Regno d’Italia fino alla sua cattura avvenuta da parte delle forze italiane.
Alla fine della guerra la nave viene consegnata ai francesi come bottino di guerra e nel 1922 viene affondata dopo la decisione di utilizzarla come bersaglio per le esercitazioni navali.

HSM PRINCE EUGENE
La Prince Eugene è stata una nave battente bandiera britannica e tra le tutte è quella che ha avuto vita più breve. Varata il primo febbraio del 1915 dalla Royal Navy, la nave vedetta viene dedicata al condottiero sabaudo per ricordare il suo ruolo di comandante al fianco del duca di Marlborough  durante la guerra di successione spagnola. La nave era lunga 102 metri e fu impiegata durante la prima guerra mondiale. La ‘Prince Eugene’  fu demolita nel 1921 dopo solo 6 anni di vita.Prince Eugene

EUGENIO DI SAVOIA
La ‘Eugenio di Savoia’ viene varata dalla Regia Marina Italiana nel 1935 e entra in servizio un hanno dopo.
Lunga 186 metri e con un equipaggio  di 578 uomini partecipa alla seconda guerra mondiale cambiando bandiera subito dopo l’armistizio del l’8 settembre 1943.
Alla fine della guerra la ‘Eugenio di Savoia’ cambia nome diventanto la ‘Elli’ e passa allo stato greco come riparazione ai danni di guerra. Sotto la bandiera ellenica, la nostra ‘Eugenio di Savoia’ sarà nave ammiraglia fino al 1965 quando, a seguito del suo disarmo, viene convertita in prigione fino al 1973 per venire poi demolita.

PRINZ EUGEN
La Prinz Eugen era un incrociatore pesante della marina militare tedesca, più grande di tutte misurava 210 metri e vantava un equipaggio composto da 1450 uomini.
Viene varata il 22 agosto del 1938 e allo scoppio della guerra viene subito impegnata negli scontri più cruenti fino al 1943 quando, colpita da un siluro,  viene messa in stato di manutenzione.
Tornata sulle acque come nave scuola per allievi ufficiali, quando la guerra prende una brutta piega per il reich, la Prinz Eugen viene impiegata per difendere la ritirata dei tedeschi dal mare baltico.
Finita la guerra, l’ incrociatore tedesco  passa di mano agli inglesi come  riparazione ai danni di guerra per poi  passare agli americani che decidono di utilizzarla come bersaglio per test nucleari.
La nave passa indenne il primo test ma non passa il secondo: gravemente danneggiata, imbarca acqua e finisce la sua vita nei pressi dell’ atollo Kwajalein dove affonda inesorabilmente.
Oggi la Prinz Eugen è diventata meta degli appassionati di immersioni subacque e noi possiamo vedere il relitto grazie a Google Maps.

Per chiudere vi proponiamo dei video interessati

Incrociatore Eugenio di Savoia – 1940 – Lancio di aereo da catapulta

Battle Cruiser Prinz Eugen

Immagini
SMS Prinz Eugen
Austria-Forum | ShipModels |  Monocrhome Specter | Wikipedia
HMS Prince Eugene
ModelWeb
Eugenio di Savoia
Wikipedia | Naviearmatori.net | Marina.difesa.it
Prinz Eugen
www.prinzeugen.com | Wikipedia | Wikipedia
Previous ArticleGalleria delle battaglie