Curiosità di Torino

Galleria delle battaglie

Come abbiamo raccontato nell’ articolo “Eugenio di Savoia. Le philosophe guerrier”, il principe sabaudo, oltre ad essere l’ abile stratega che ha anche  liberato Torino, era amante delle arti e, nel suo palazzo  a  Vienna, aveva una ‘Galleria delle Battaglie’ tutta sua.
Avere una galleria delle battaglie era frequente fra i regnanti…ne avrà una il Principe di Carignano, una Carlo Emanuele III e anche Vittorio Emanuele, non ancora re, nei suoi appartamenti al Castello di Rivoli. Un genere vero e proprio quello della Pittura di Battaglie.

Battaglia di Torino 1706 | Jan Van Huchtenburg

All’ interno della Galleria Sabauda si trova il celebre dipinto ‘La battaglia di Torino 1706’.
Il  magnifico dipinto  fa parte della serie di dieci commissionati a von Huchtenburg dal principe Eugenio di Savoia Soisson per celebrare i propri successi militari. Essi illustrano due episodi cui il pittore olandese ebbe modo di assistere in prima persona, come parte del seguito di Eugenio.

La serie riscosse un immediato successo, fu replicata in dimensioni ridotte e riprodotta nelle incisioni destinate ad illustrare il volume encomiastico sulle Batailles gagnées par le serenissime prince Fr, Eugène sur les ennemis de la foi  pubblicato nel 1720.
Alla morte di Eugenio, nel 1736, l’intero ciclo passò in eredità alla nipote, Vittoria di Savoia Carignano. L’anno seguente le tele furono acquistate da Carlo Emanuele III e trasferite a Torino: il saldo dei 1000 ducati d’oro pattuiti avvenne solo nel 1741, quando anche le altre collezioni del principe raggiunsero la capitale sabauda.

Battaglia di Zenta | Jan Van Huchtenburg

Oltre a ringraziare Carlo Emanuele III per aver portato a Torino la collezione di ‘Eugenio’ dobbiamo anche ringraziare Alessia Giorda e Andrea Coda che, grazie alle loro note, hanno reso possibile raccontarvi questa storia.